28 marzo 2007

Istantanea economica

L'impressione generale derivata dalla mia esperienza è che almeno la metà del mercato italiano sia sotto-sfruttato rispetto alle potenzialità, cioè non c'è lo slancio per fare quel salto di qualità e di prospettiva delle imprese le quali tendono per lo più a rimanere della stessa grandezza, una volta che chi ha investito inizia a guadagnare una buona somma di denaro. E' un problema storico italiano, il nostro sistema economico si basa sulle cosiddette PMI (piccole e medie imprese) e non è detto che sia comunque una struttura economica fallimentare. Il problema sta però nella prospettiva che per definizione si erge sulla ricerca, sulle analisi di mercato di medio e lungo periodo, sulla raccolta costante di nuove informazioni e dunque relativi investimenti in risorse materiali e umane (se così vogliamo chiamare le persone), le PMI non possono permettersi di farla per questo si accontentano quindi di guardare solo nel breve periodo, massimo un anno. L'ansia per il futuro in questo modo diventa ancora più pressante, e per gli imprenditori e per i dipendenti, molti dei quali assunti con contratti flessibili che potrebbero far saltare la loro pensione.

1 commento:

eugenia ha detto...

Caro nico ciao
Sono l'Eu!!! non sapevo avessi un fantastico blog.. anche noi ne abbiamo uno come associazione culturale Verso. www.associazioneverso.blogspot.com
il tuo è più bello però! mi dirai come hai fatto.. dai che ci si vede prossimamente.
baci