28 dicembre 2005

La fine del mondo che conosciamo: 2012?

Chi di voi a Capodanno non sa ancora cosa fare? Io ci sono in mezzo, come spesso capita per questa ricorrenza si rischia di dover decidere tutto a poche ore dalla mezzanotte fatidica, quale sia il senso di questa festa non lo so, forse adattarsi e omaggiare la ciclicità della vita cercando in questo modo di dare un sentimento di sicurezza alla nostra esistenza, la ripetitività, la routine, le festività in parte a questo servono, anche se in realtà credo che abbia senso tutto ciò a cui decidiamo di dare senso, per questo anche cose razionalmente inutili come “Enlarge your penis” (la prima a passarmi per la mente perché ho appena letto un articolo riguardante lo spam su Repubblica) possono diventare fondamentali nella vita di un uomo.
Alcuni dicono che il 22-23 Dicembre 2012 avverrà la fine del mondo, o comunque un profondo ed eccezionale cambiamento dello stile e delle forme di vita sul nostro pianeta, vi invito a cercare in qualche motore di ricerca l'argomento, è interessante, al di là del fatto che sia o no una grande bufala come tante altre, affrontare la fine del mondo aiuta a porsi domande uniche e a riflettere in termini molto differenti da quelli della quotidianità. Ad esempio l'articolo presente a questo indirizzo:
http://www.darcas.net/index.php/fs=Blog/cmp=ReadBlog/_uid=8

7 commenti:

Jo ha detto...

... Per me è già troppo impegnativo il "vivere", non ho tempo per pensare adirittura a cosa ci aspetta....

Penso che con i miei tempi di pensiero se mi soffermassi su questi arcani, potrei perdimici....

Nico Guzzi ha detto...

Beh, però se fosse nel 2012 la fine del mondo sarebbe conveniente pagare le cose con finanziamenti e quindi a rate

ava ha detto...

guarda il fatto che la fine del mondo arrivi primi di altre allucinante feste natalizie e di fine anno mi e' di sollievo! :-)

DarCas ha detto...

Bella storia, mi trovo linkato sul tuo blog.. ^_^

Daemos ha detto...

ah! Claudio! non vorresti ma in qualche modo ti lascia il segno!

Per me si tratta di una festa antidepressiva, l'alternativa sarebbe chiudersi in un angolo a dire: sti cazzi! mi rimane già un anno in meno da vivere.
Un pò come il compleanno, cosa ti festeggi sei diventato più vecchio!

Nico Guzzi ha detto...

eh sì, l'unica cosa che non ho capito è quali sono le fonti di Claudio, perchè girando su Internet si trovano le sue idee, ma lui non capisco da dove trae spunto

Daemos ha detto...

dice che in anti anni ha contattato tanta gente per farsi questo tipo di cultura ma alla fine l'impressione che ho avuto io è che qualsiasi cosa di fantascentifico gli dici lui ci crede quindi non so fino a che punto sono attendibili le sue fonti...